by Scuola Sci Paganella

Come scegliere l’abbigliamento con protezione solare

Maggio 24, 2022 | Abbigliamento

  • Home
  • -
  • Blog
  • -
  • Come scegliere l’abbigliamento con protezione solare

Scegliere il giusto abbigliamento con protezione solare ti permette di soddisfare una delle grandi gioie di stare all'aria aperta è crogiolarsi nel morbido e caldo bagliore del sole, ma come molti altri piaceri della vita, è meglio farlo con moderazione.

La luce del sole contiene raggi ultravioletti (UV) e l'esposizione a questi raggi può portare a scottature, invecchiamento precoce della pelle.

Scegliere indumenti progettati per la protezione solare e testati per confermare il loro fattore di protezione dai raggi ultravioletti (UPF) ti permetterà di controllare meglio il livello totale di esposizione ai raggi UV.

Questo articolo tratta di:

  • Chi può trarre beneficio dall'indossare indumenti UPF (praticamente tutti)
  • Cosa significa la classificazione UPF
  • Caratteristiche dell'abbigliamento UPF
  • Fattori che riducono e migliorano la protezione solare
Se non sai altro sull'UPF, considera questo:

Cerca sempre la classificazione Upf testata in laboratorio per un indumento (se disponibile) per valutare il suo reale livello di protezione dai raggi UV.

Detto questo, se un capo non ha una classificazione UPF, ci sono alcune cose da tenere in considerazione per valutare le opzioni di protezione solare:

  • I tessuti più scuri di solito offrono una maggiore protezione dai raggi UV rispetto a quelli più chiari.
  • Le trame più fitte offrono una maggiore protezione dai raggi UV rispetto a quelle più morbide.
  • Il poliestere e il nylon offrono una maggiore protezione solare rispetto alle fibre naturali.

Chi può beneficiare dell'abbigliamento UPF

abbigliamento con protezione solare

L'abbigliamento con protezione UPF migliora la protezione di tutti contro i rischi per la salute legati ai raggi UV, ma è particolarmente utile per:

Persone sensibili al sole: Le persone con la pelle che si scotta o con lentiggini sono facilmente più vulnerabili ai raggi UV. Una serie di fattori può rendere una persona più suscettibile alle scottature, tra cui la pelle con una pigmentazione più chiara o un gran numero di nei.

Persone con una pigmentazione della pelle più scura: Da un lato, una pigmentazione più scura indica la presenza di più melanina, un composto che offre protezione dai raggi UV.

Ma la pigmentazione più scura rende anche più difficile individuare i danni causati dai raggi UV e può indurre te e il tuo medico a essere meno vigili.

Bambini e anziani: I bambini hanno una pelle relativamente sottile e sensibile e qualsiasi danno subito in tenera età aumenta il rischio di gravi problemi più avanti nella vita. Inoltre, i danni alla pelle si accumulano nel tempo, aumentando il rischio per la salute di tutti gli adulti che invecchiano.

Le persone che si trovano ad altezze elevate, nelle regioni equatoriali, sulla neve o sull'acqua: L'intensità delle radiazioni UV è maggiore nei luoghi in cui l'aria è più rarefatta (altezze elevate), dove il sole è più diretto e i raggi UV hanno un percorso più breve per raggiungerti attraverso l'atmosfera (regioni equatoriali) e dove i raggi provengono sia dalla luce solare in alto che dalle superfici riflesse (come la neve e l'acqua).

Persone che assumono farmaci: La sensibilità al sole è aumentata da un'ampia gamma di farmaci, tra cui i trattamenti per l'acne, gli antistaminici, gli antibiotici, alcuni antinfiammatori e persino gli integratori a base di erbe. Controlla che tutti i tuoi farmaci contengano avvertenze relative al sole.

Cosa significa la classificazione UPF

UPF è il sistema di classificazione utilizzato per l'abbigliamento. È simile all'SPF (Sun Protection Factor), il sistema di classificazione utilizzato per i prodotti di protezione solare.

L'SPF si riferisce solo all'efficacia di una protezione solare contro i raggi UVB, considerati il tipo di luce più dannoso. L'UPF, invece, misura l'efficacia di un tessuto nel filtrare sia i raggi ultravioletti A (UVA) che quelli ultravioletti B (UVB).

Al momento dell'acquisto, le cose sono relativamente semplici: Cerca un numero di valutazione UPF più alto e una maggiore copertura della pelle per ottenere una migliore protezione solare.

abbigliamento con protezione solare

Una valutazione UPF di 30 indica che il tessuto di un indumento lascia passare 1/30 (circa il 3%) dei raggi UV disponibili. Un indumento con una classificazione UPF 50 lascia passare solo 1/50 (circa il 2%) dei raggi UV.

Qualsiasi tessuto che permetta una trasmissione dei raggi UV inferiore al 2% è etichettato come UPF 50+.

Perché non si vedono valutazioni inferiori a UPF 15?

I tessuti con classificazione inferiore a UPF 15 non sono considerati protettivi contro i raggi UV. Una tipica maglietta bianca di cotone, ad esempio, ha una classificazione UPF 5, il che significa che 1/5 (circa il 20%) della radiazione UV disponibile passa attraverso di essa.

Fattori che migliorano la classificazione UPF: Per fare acquisti, basta cercare la classificazione UPF sui cartellini o sulle etichette degli indumenti. I produttori di abbigliamento avranno già preso in considerazione i seguenti fattori nel tentativo di ottenere questo livello di protezione solare:

Costruzione: Una struttura densa e aderente riduce al minimo la quantità di raggi UV che possono passare. A parità di altri dettagli costruttivi, i tessuti più spessi possono avere una trasmissione dei raggi UV ridotta rispetto a quelli più sottili.

Colore: in genere, i colori più scuri impediscono ai raggi complessivi (compresi i raggi UV) di raggiungere la pelle. All'interno dello stesso colore, le tonalità più sature superano quelle più chiare.

Trattamenti: È possibile aggiungere sostanze chimiche e coloranti efficaci nell'assorbire i raggi UV per migliorare l'UPF.

Tipo di fibra: Il poliestere, così come il nylon, svolge un lavoro eccellente nel disturbare i raggi UV. La lana e la seta sono moderatamente efficaci. I tessuti in cotone, rayon, lino e canapa hanno spesso un punteggio basso senza trattamenti aggiuntivi.

Fattori che riducono l'efficacia degli indumenti con classificazione UPF

Se stai valutando le specifiche UPF di un nuovo capo di abbigliamento o se stai mettendo in valigia il tuo rashguard preferito per una gita in spiaggia, fai attenzione a quanto segue:

Umidità del tessuto: Per molti tipi di materiali, il bagnato può causare una riduzione significativa della classificazione UPF di un tessuto. Alcuni studi, tuttavia, suggeriscono che il poliestere possa proteggere leggermente meglio quando è bagnato.

Usura del tessuto: Quando un tessuto si usura o si scolorisce, diventa meno efficace nel bloccare i raggi UV.

Tessuto elastico

Un tessuto allungato può perdere una quantità significativa di UPF, quindi prendi in considerazione la possibilità di sostituire un capo che ti sta troppo stretto.

Come il lavaggio influisce sulla classificazione UPF per l'abbigliamento con protezione solare

Il lavaggio dei tuoi indumenti può aumentare o diminuire il loro UPF, a seconda di diversi fattori:

Detersivi con sbiancanti: Sebbene la maggior parte dei detersivi li contenga e la maggior parte dei brillantanti migliori l'UPF, non c'è modo di sapere con certezza se un determinato detersivo migliorerà la classificazione del tuo capo.

Restringimento: A parità di condizioni, il restringimento di un indumento conferisce una trama più fitta, che può aumentare il suo UPF.

Indumenti che si basano su finiture per ottenere la classificazione UPF

Le finiture possono variare in termini di durata. Se una finitura si lava, l'UPF diminuisce. Controlla se l'indumento indica che il suo indice UPF è valido per un numero specifico di lavaggi.

Indumenti che si basano sulle proprietà intrinseche del tessuto per la loro classificazione UPF

L'UPF dovrebbe rimanere relativamente invariato a seguito dei lavaggi, fino a quando non diminuisce semplicemente perché il tessuto diventa usurato o sbiadito.

Caratteristiche dell'abbigliamento abbigliamento con protezione solare

abbigliamento con protezione solare

Copertura estesa: Alcune magliette hanno colletti parasole ribaltabili; altre possono avere polsini sagomati per estendere la copertura sul dorso delle mani. Per quanto riguarda i cappelli, cerca tese larghe e mantelli per il collo.

Aperture: Le trame strette, i tessuti spessi e la copertura estesa contribuiscono a riscaldare l'interno, quindi cerca molte opzioni di ventilazione come pannelli sovrapposti o reti dietro le cerniere che permettono all'aria di circolare senza esporre troppo la pelle. 

Un taglio più ampio: Evita gli indumenti elasticizzati che aderiscono troppo, perché un capo allungato può diventare molto meno efficace nel bloccare i raggi UV. I tessuti rigidi dal taglio più ampio aumentano il comfort termico grazie al movimento dell'aria.

Tessuti ad asciugatura rapida: L'umidità può causare una riduzione significativa del grado di protezione UPF di un tessuto, per cui un capo che si asciuga rapidamente ti permetterà di tornare al massimo grado di protezione UPF prima. (Un'altra strategia è quella di portare in valigia indumenti asciutti con fattore UPF).

Protezione solare oltre l'abbigliamento UPF

abbigliamento con protezione solare

Assicurarsi di avere un abbigliamento con protezione UPF è importante, ma la protezione totale dai raggi UV richiede un approccio su più fronti:

Abbigliamento: indossa indumenti protettivi contro i raggi UV che coprano una parte significativa della tua pelle.

Protezione solare: Applica abbondantemente una protezione solare con un alto indice SPF su tutte le aree della pelle esposte. È consigliato riapplicare regolarmente la protezione solare perché perde efficacia con il passare del tempo.

Occhiali da sole: Indossa quelli che offrono il 100% di protezione dai raggi UV.

Ombra: Cerca l'ombra quando possibile e ricorda che acqua, neve e superfici riflettenti possono aumentare l'esposizione ai raggi UV.

Tempo di esposizione: Controlla e limita la quantità di tempo in cui ti esponi ai raggi UV, soprattutto durante le ore di punta del giorno (dalle 9:00 alle 15:00 circa).

La protezione solare non è solo per le giornate di sole: Il sole filtrato può comunque danneggiare la tua pelle, quindi proteggiti anche nelle giornate nuvolose.

Prendendo queste precauzioni la tua pelle sarà più sana. Sii intelligente nei confronti del sole e sarà più facile goderti il divertimento quando sei all'aperto.

Buon divertimento.

About the author, Scuola Sci Paganella

administrator

Follow Me Here

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
>